Cerca: Accountability, Atti FORUM PA 2007

Risultati 121 - 130 di 159

Risultati

La riconquista del senso sociale delle istituzione per una migliore tutela del territorio

Il museo, sostiene la Dott.ssa Reggiani, è, per definizione, un luogo d’incontro dove le istituzioni devono svolgere un ruolo sociale e non un luogo dove l’archeologia viene, invece, sacralizzata e mummificata. Risulta pertanto necessario aprire maggiormente i musei al pubblico, per aumentare il senso di orgoglio rispetto al passato, che porterebbe ad un senso di tutela più diffuso, e non concentrato nelle istituzioni. La sfida del MiBAC si deve giocare, dunque, sulla comunicazione: conoscere per tutelare, conoscere per comunicare.

Strumenti per migliorare il patrimonio applicativo

Oggi serve che ci sia un avvicinamento da parte delle istituzioni alle necessità dei cittadini. Per fare ciò va realizzato un sistema che, attraverso la definizione di una serie di strumenti standard che chiunque può utilizzare, consenta di partecipare al processo di miglioramento del patrimonio applicativo. Il web 2.0 è sicuramente lo strumento adatto a tale scopo, ma perché un reale miglioramento del patrimonio applicativo si realizzi effettivamente si rende necessaria, da una parte una partecipazione attiva della PA e dall’altra una normativa che incentivi il mondo della rete.

L’Innovazione della PA per promuovere la partecipazione, abbattere idivide e favorire la cittadinanza e la democrazia anche digitale

In Italia assistiamo oggi ad una allontanamento del cittadino dalla politica e dall’Amministrazione: si rende necessario pertanto costruire nuove forme di partecipazione grazie alla tecnologia. Le problematiche da affrontare per realizzare tale obiettivo vertono anzitutto su come utilizzare la rete per definire nuove forme di partecipazione e di rappresentanza e su come consentire a tutti di essere inclusi in questo circuito.

Leggi tutto

Cultural divide e convergenza digitale

Nel nostro Paese si discute da tempo sulla misura e forma di partecipazione sociale e di partecipazione alla politica pubblica. Questo elemento trova nell’ambito dell’interconnessione digitale una delle sue opportunità e sfide principali. Un elemento fondamentale, quando si parla di questi aspetti, è rappresentato dalla qualità della politica pubblica che produciamo nel nostro Paese. Leggi tutto

Il contributo delle nuove tecnologie al processo di e-democracy

Oggi l’attenzione principale della PA è tesa a creare con l’utenza un rapporto di fiducia, attraverso governance che creino lo sviluppo di comunità, abilitandola a pianificare e gestire gli stessi affari del bene comune. L’evoluzione del web va vista un po’ come l’evoluzione della PA verso la e-democracy, perché mira a creare processi di inclusione e partecipazione attiva.Leggi tutto

Progetto EDEM 1.0

Il Progetto, avviato a marzo del 2006, ha come principali obiettivi quelli di congiungere la partecipazione tradizionale con quella mediata dal computer, realizzando una piattaforma internet per integrare comunicazione online e offline e sperimentare le metodologie e gli strumenti messi a punto in contesti diversi tra loro. L’orizzonte su cui è costruito questo apparato tecnologico è il web 2.0, quindi i contenuti vengono generati direttamente dai cittadini, non vengono applicati filtri preventivi e il software è completamente open source.

Democrazia e politica: un utilizzo intelligente della tecnologia ai fini di valore, produttività e servizi

La rete riveste oggi una opportunità di accesso ai servizi nonché di partecipazione alla vita pubblica e politica tale che l’utilizzo della banda larga viene visto dai cittadini come un diritto necessario a non rimanere esclusi. Attribuendo alla rete un ruolo di strumento o di canale tra politica e cittadini risulta chiaro che quella dell’inclusione divenga una questione democratica.

Leggi tutto

E-democracy e partecipazione

Il tema della cittadinanza digitale ha il pregio di sottolineare diversi aspetti e le varie dimensioni della democrazia elettronica, come quello della inclusione sociale e della realizzazione di una sfera pubblica libera e pluralistica, e proprio per questo dovrebbe tener conto della dimensione della partecipazione politica e della buona amministrazione. Ciononostante uno dei principali aspetti critici dei progetti di e-democracy attivati in Italia sta proprio nella carenza di partecipazione da parte dei cittadini.

e-democracy al servizio del piano strategico metropolitano di Bari

Le politiche per incentivare il processo di riorganizzazione e innovazione della PA si stanno sviluppando con l’obiettivo di promuovere una società dell’informazione inclusiva. I progetti in atto per attivare la partecipazione dei cittadini contrastando il digital divide sono improntati al decentramento dei servizi, alla trasparenza delle PA e al libero accesso alle informazioni.Leggi tutto

CulturaOnLine: la cultura in un clic

Flavia Ferrante illustra il progetto “CulturaOnLine”, il sistema di integrazione e consultazione online di banche dati georiferite sui beni culturali, realizzato dalla Direzione Generale per l’Innovazione e la Promozione del MiBAC. In particolare, il sistema ha integrato tutte le banche realizzate nel corso degli anni dai diversi uffici del MiBAC, per fini amministrativi, di ricerca o di catalogazione, offrendo la possibilità all’utente di consultare contemporaneamente tutte le informazioni in esse contenute attraverso query di tipo testuale e geografico.