Cerca: Atti FORUM PA 2011, Ministro Brunetta

7 risultati

Risultati

Intervento al convegno Eg.09 InnovaScuola ed il Premio “A scuola di innovazione”

Il ministro Brunetta traccia un bilancio di quanto finora realizzato nella scuola nel campo ICT, e di quanto ancora deve essere fatto, chiedendo ogni volta che i numeri siano verificati sul campo.

Leggi tutto

Intervento al convegno Eg.09 InnovaScuola ed il Premio “A scuola di innovazione”

Il premio “A scuola di innovazione”, giunto alla sua seconda edizione, nasce da un'attività congiunta che il Dipartimento per la pubblica amministrazione e l'innovazione porta avanti dal 2005-6 con il ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, allo scopo di rendere più innovativo il mondo della scuola. Così spiega Renzo Turatto, aprendo il convegno, aggiungendo che si tratta di una collaborazione che si svolge lungo tre linee di attività.

Leggi tutto

La riforma della PA per l'occupazione al femminile.

Antonio Naddeo parla della forte collaborazione sul tema del lavoro femminile tra il suo dipartimento e la Consigliera di parità, sia nella scrittura della riforma della PA, che nella fase applicativa all'interno della Civit, la Commissione che si occupa del tema della valutazione. Buona la collaborazione anche con il dipartimento delle Pari Opportunità, con cui è partito in passato un monitoraggio ora diventato annuale per capire la condizione del lavoro femminile nella PA, in cui la situazione risulta a suo avviso migliore rispetto al privato.

Leggi tutto

Pubblico impiego: perché coniugare regole, talenti e merito.

Antonio Naddeo apre il convegno spiegando che si parlerà di alcuni aspetti che riguardano il rapporto di lavoro, con un focus su regole, talenti e merito. Regole: perché si è all'interno di un sistema pubblico che va gestito, in cui le leggi hanno un ruolo rilevante perciò risorse umane vanno gestite secondo delle norme. Talenti: parola più impegnativa da spiegare perché la loro ricerca nella PA è un aspetto complicato. Merito: se ne è parlato tantissimo con la riforma Brunetta, ma in realtà il tema era già introdotto dalla prima riforma del '93.

Leggi tutto

Le risposte alle proposte per l'Agenda Digitale italiana

Renzo Turatto a conclusione dell’incontro dedicato al percorso dell’Agenda Digitale italiana, presenta lo scenario in cui si sta muovendo l’Europa. La Commissione Europea ha pensato l’Agenda Digitale come uno strumento per impostare la propria attività, proponendosi di affrontare il tema del digitale non più dal punto di vista dell’offerta (incentivo allo sviluppo dell’ICT), ma soprattutto da quello della domanda lavorando su tre macro aree: regolazione, sviluppo del mercato, pervasività.

Leggi tutto

Nuovo CAD, firma elettronica e conservazione sostitutiva

Basile si sofferma su alcuni aspetti del nuovo CAD, sottolineando come l’obiettivo centrale del provvedimento sia quello di rendere effettiva l’applicazione delle norme sulla digitalizzazione nella PA prevedendo una serie di misure premiali e sanzionatorie e conferendo, quindi, maggiore efficienza e cogenza alle norme. Un altro obiettivo è stato quello di agire in materia di documento informatico (validità sostanziale/legale ed efficacia probatoria), conservazione e dematerializzazione.

Leggi tutto

ll piano eGov 2012: obiettivo Università.

Paolo Donzelli spiega che i progetti digitali riguardanti l'università rientrano nel piano eGov2012, al suo secondo anno di attuazione, che comprende obiettivi settoriali (ossia i principali campi di azione della PA), territoriali, di sistema ed internazionali.

Leggi tutto