Cerca: Atti FORUM PA 2011, semplificazione

Risultati 1 - 10 di 63

Risultati

Virtualizzazione del desktop nella PA per ottimizzare le infrastrutture IT riducendo i costi di esercizi.

La classica architettura informativa di tipo distribuito, costituita da PC di tipo Desktop o Laptop, è ancora abbastanza flessibile per adeguarsi in modo sufficientemente rapido al grado di innovazione richiesto nella Pubblica Amministrazione?

Esiste un’alternativa più flessibile del classico PC Desktop, che a medio-lungo termine possa far risparmiare la Pubblica Amministrazione, senza pregiudicare il livello di servizio offerto?

Ecco perché la Virtualizzazione del Desktop potrebbe essere la soluzione ideale.

Virtualizzazione del desktop nella PA per ottimizzare le infrastrutture IT riducendo i costi di esercizi.

La classica architettura informativa di tipo distribuito, costituita da PC di tipo Desktop o Laptop, è ancora abbastanza flessibile per adeguarsi in modo sufficientemente rapido al grado di innovazione richiesto nella Pubblica Amministrazione?

Esiste un’alternativa più flessibile del classico PC Desktop, che a medio-lungo termine possa far risparmiare la Pubblica Amministrazione, senza pregiudicare il livello di servizio offerto?

Ecco perché la Virtualizzazione del Desktop potrebbe essere la soluzione ideale.

Certezza della norma e semplificazione per una dematerializzazione che funzioni

Giuliano Villi tira le fila di quanto emerso dalle diverse prospettive presentate nel convegno “Professionisti e dematerializzazione degli adempimenti”. “Il minimo comun denominatore – afferma – mi sembra essere il bisogno di certezza delle norme e l’esigenza di semplificazione delle stesse norme e della loro interpretazione”.  Elementi importanti dello sforzo in atto in materia di dematerializzazione - continua - sono l’informazione, la formazione, il commitment politico e un’auspicabile crescita dell’attenzione agli effetti positivi per l’ambiente.

Norme chiare, innanzitutto. Le priorità per i geometri

Farncesco Mazzoccoli interviene al convegno “Professionisti e dematerializzazione degli adempimenti”, proponendo una breve riflessione sulla centralità della figura del geometra nei territori italiani e sulle istanze della categoria nel rapporto con gli enti locali. “L’esigenza di norme chiare – afferma – è prioritaria, superando in urgenza e necessità anche quella di strumenti semplici ed efficaci in ambito di dematerializzazione”.

Professionisti e dematerializzazione degli adempimenti. Il professionista come pubblico ufficiale

Nel suo intervento Matteo Capuani presenta una proposta di collaborazione tra il Consiglio Nazionale Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori e la pubblica amministrazione locale in un settore ben preciso, che è quello dell’edilizia. L’oggetto è la presentazione delle pratiche relative al Testo Unico sull’Edilizia.

Leggi tutto

Semplificazione amministrativa: novità, risultati e nuove sfide

Silvia Paparo apre i lavori della Giornata della Semplificazione 2011, il cui intento è dare voce ai protagonisti del processo di semplificazione: alle associazioni imprenditoriali, a chi opera nelle amministrazioni, e agli esperti che hanno animato la task force per la Misurazione degli Oneri Amministrativi.

Leggi tutto

L’agenda di governo “Lombardia semplice”

Semplificare ascoltando: il ruolo della consultazione

Andrea Tardiola presenta i meccanismi di partecipazione che sono stati inseriti all’interno dell’intero sistema di Misurazione degli Oneri Amministrativi. In ultimo, Tardiola si concentra su Burocrazia: diamoci un taglio!: una forma di consultazione aperta a qualunque cittadino, professionista e organizzazione. Dopo 18 mesi dal lancio, l’iniziativa ha raccolto circa 400 storie (di cui 160 prese in carico da Linea Amica), la cui provenienza territoriale è equidistribuita tra le macroregioni.

Leggi tutto

L'Italia a confronto con i paesi avanzati

L’intervento di Siriana Salvi intende fare il punto sulla qualità della regolazione in Italia a confronto con quella degli altri Paesi avanzati partendo dalle molte indagini svolte in materia. Dai benchmarking internazionali emerge come il quadro normativo italiano sia molto avanzato, come in Italia vi sia un elevata capacità istituzionale e di disegno delle politiche, ma come contemporaneamente l’ambiente regolatorio sia molto rigido e si debbano scontare notevoli ritardi dal punto di vista del sistema fiscale, del mercato del lavoro e della giustizia civile.

Leggi tutto