Cerca: Atti FORUM PA 2011, open data

Risultati 11 - 20 di 28

Risultati

Valutare la capacità di spesa delle risorse FESR

 

Aldo Mancurti apre e conclude i lavori del convegno sottolineando l’esigenza di portare avanti un bilancio sulla capacità delle amministrazioni italiane di utilizzare al meglio le risorse europee per una migliore programmazione delle loro attività.

La trasparenza centrale per migliorare la governance: PERLA PA

 

Leggi tutto

La strategia della trasparenza

 

Francesca Russo offre una panoramica di come agisce la riforma Brunetta attraverso gli interventi ispirati al concetto di trasparenza. Dalla pubblicazione dei dati del DFP nel maggio 2008, passando per l’accessibilità totale definita nel dlgs. 150/09, fino alla campagna sull’open government del 2011, la Russo offre quadro complessivo delle azioni messe in campo. Emerge dal suo intervento come sulla trasparenza debba basarsi il mutato DNA delle PPAA per un reale avvicinamento e recupero di fiducia da parte dei cittadini.

Il monitoraggio dei siti web: l'esperienza del Registro.it

Il CNR di Pisa – gestore di Registro .it – ha svolto un’indagine sulla diffusione di internet nella Pubblica Amministrazione analizzando la cosiddetta metrica endogena dei nomi a dominio. Successivamente è stata svolta un’analisi sull’aderenza dei siti web delle Pubbliche Amministrazioni alle linee guida emesse dal Ministero della PA e dell’Innovazione. Martinelli illustra la metodologia di crawling utilizzata per l’analisi sull’aderenza e presenta alcuni risultati relativi alle Regioni e alle Province italiane.

Qualità dei siti in ambito locale: l'esempio dell'Emilia Romagna

All’interno della Direzione dei Sistemi Informativi della Regione Emilia Romagna si è costituito un gruppo di monitoraggio sullo sviluppo della società dell’informazione in regione. Dal 2004 è stata lanciata un’attività di monitoraggio sui servizi on line dell’amministrazione e sull’utilizzo dei siti e dei portali pubblici.

Leggi tutto

Genesi, sviluppo e peculiarità di Normattiva 2/2

 Mauro Fioroni e Valerio Di Porto, in un intervento congiunto, presentano l’excursus storico che ha portato – dai primi passi del 1996 (quando la Camera dei Deputati e il Senato aprirono i loro siti) ad oggi – le leggi italiane ad essere sempre più presenti su internet. Concentrandosi poi sul portale Normattiva, Fioroni e Di Porto – che sono Componenti del Comitato Tecnico-Scientifico del Progetto - ne ricostruiscono la genesi e ne spiegano l’articolazione, illustrandone anche i collegamenti con banche dati e siti esterni. 

Genesi, sviluppo e peculiarità di Normattiva 1/2

 Mauro Fioroni e Valerio Di Porto, in un intervento congiunto, presentano l’excursus storico che ha portato – dai primi passi del 1996 (quando la Camera dei Deputati e il Senato aprirono i loro siti) ad oggi – le leggi italiane ad essere sempre più presenti su internet. Concentrandosi poi sul portale Normattiva, Fioroni e Di Porto – che sono Componenti del Comitato Tecnico-Scientifico del Progetto - ne ricostruiscono la genesi e ne spiegano l’articolazione, illustrandone anche i collegamenti con banche dati e siti esterni. 

L’implementazione di Normattiva

 Il Presidente Mazzei illustra la funzione dell’Istituto Poligrafico nella creazione e manutenzione di Normattiva aprendo alle sue prospettive di sviluppo. Se da una parte il portale potrebbe essere utilizzato in maniera anticipativa, guardando alle modifiche subite dai provvedimenti per ottimizzare i metodi di produzione normativa, dall’altra la creazione di motori semantici che aiutino la ricerca per concetti può aiutare a categorizzare gli atti anche per un successivo confronto con la normativa europea.

Normattiva nella mission dell'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

 Ferruccio Ferranti presenta l’articolato processo che ha portato l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato a trasformarsi da azienda tipografica ad azienda infotelematica specializzata in soluzioni garanti di tracciabilità e certificazione dei prodotti. Proprio per questa sua vocazione, l’Istituto ha assunto con entusiasmo l’incarico di diminuire la distanza che c’è tra la Pubblica Amministrazione, il cittadino e le imprese realizzando Normattiva, strumento che consente un’interpretazione delle norme certificate come vigenti nel preciso momento della consultazione.

Normattiva e attività di riordino normativo

 L’attuale qualità del prodotto normativo, avverte Zaccaria, confligge su più fronti con il modello creato e auspicato con il progetto Normattiva.  Se le due funzioni di Normattiva sono quelle di fornire conoscenza al cittadino ed essere strumento per l’attività di riordino normativo, sul secondo aspetto si è fatto meno che sul primo. Ciò è accaduto – dice Zaccaria – a causa dell’incrocio dei diversi orientamenti normativi che si sono applicati all’iter del Decreto Taglialeggi  e che hanno portato nel tempo anche a preoccupanti accelerazioni semplificatorie.