Cerca: Atti FORUM PA 2009

Risultati 61 - 70 di 583

Risultati

Scuola digitale in Emilia-Romagna

Nel 2002-2004 è stata creata in Emilia-Romagna un rete a banda larga con una copertura della totalità dei territori emiliano-romagnoli con una altissima percentuale di collegamenti in fibra ottica. L’aspetto strategico e politico del progetto è stato quello favorire la nascita e la diffusione di un approccio integrato da parte di tutti gli Enti della regione per l'adozione di finalità e processi comuni. Da questa premessa è nato PiTER – piano telematico dell’Emilia-Romagna – capace di inquadrare in modo pragmatico le modalità con cui vengono gestite tutte le progettazioni della regione.Leggi tutto

Il Codice degli appalti, l’innovazione e la collaborazione pubblico-privato

Una riflessione sull’aspetto giuridico legale del rapporto pubblico-privato e, quindi sul Codice dei contratti pubblici, il Dlgs 163/2006. L’eredità del passato, sottolinea Camanzi, si vede da come il codice tratta la qualificazione delle imprese, la procedura di aggiudicazione e i criteri di scelta: prevale il criterio del costo su quello del valore, c’è uno svilimento delle parti innovative.Leggi tutto

Comune di Trento: dalla telefonia tradizionale al Voip

Roberto Resoli racconta l’esperienza del Comune di Trento, che ha scelto di migrare dalla telefonia tradizionale a Voip usando tecnologia OS. Delienando contesto di partenza, costi affrontati, risparmi e vantaggi prospettati, sottolinea l’importanza della conoscenza in tutte le fasi, dall’acquisizione a mezzo licenza allo sviluppo, al riuso.

Open source all'Istat

Carlo Vaccari presenta l’esperienza dell’ISTAT: una amministrazione centrale che usa software libero. Tracciando i passaggi fondamentali del lavoro svolto dall’ISTAT in collaborazione con enti e soggetti europei, chiarisce i punti su cui lavorare per rendere l’adozione di strategie OS più facile e conveniente per le pubbliche amministrazioni.

Adozione di FLOSS nella PA: l'esperienza umbra

Osvaldo Gervasi presenta l’attività del Centro di Competenza Open Source della Regione Umbra, proponendo una più ampia valutazione dell’esperienza regionale e introducendo le prospettive future. Dopo due anni di lavori - sottolinea - la predominanza di piccoli progetti e la necessità di potenziare l’ottica del riuso.

Nuove economie del software e Piano eGovernment 2012

La tesi di Franco Roman parte dalla convinzione che un modo possibile d'intervenire sui costi ICT per la PA è fare leva sui nuovi modelli di economia del software fondati sull'open source. Perché ciò si realizzi è necessario definire a monte una politica per l’OSS appropriata. Gli auspici e le richieste dall’esperienza Sun.

Open Source: avere o fare?

Partendo dall’esperienza dell’amministrazione comunale per cui ha lavorato come consulente per la CIE, Bud Bruegger traccia uno snello decalogo delle attitudini da seguire e dei passi da compiere per l’adozione dell’OS. Si parte dal modo di “fare”, in cui risiede la vera chiave dell’innovazione open. Il punto centrale è interfacciarsi con le comunità esistenti.

Giustizia e sicurezza: un binomio inscindibile del vivere civile

La modifica dell’art.54 del Testo Unico degli Enti Locali e il Decreto ministeriale che ha dato la definizione giuridica di sicurezza urbana inseriscono nel contesto della sicurezza temi quali le condizioni di vivibilità nei centri urbani, la convivenza civile e la coesione sociale e ne affidano la tutela anche alle amministrazioni territoriali.Leggi tutto

Amministrare 2.0: verso un manifesto d'azione

"L'intervento sintetizza il lavoro che ha preceduto la creativity room sul tema amministrare 2.0 di FORUM PA 2009. Gianluigi Cogo elenca i principi emersi nel corso del lavoro, invitando a svilupparli per arrivare alla redazione di un manifesto sul tema.Leggi tutto

La crisi, gli interventi, le piccole e medie imprese

Presumibilmente il 2009 verrà catalogato come uno dei peggiori anni dal dopoguerra. Andrea Brasili propone un’analisi dettagliata dell’andamento della crisi in corso, in particolare focalizzandosi sull’economia italiana e sulle diverse misure di sostegno messe in atto, tra cui quelle rivolte alle pmi, a partire dalla rilevazione degli elementi di fragilità, delle necessità e delle prospettive del tessuto imprenditoriale. Conclude con una serie di raccomandazioni per policy immediate e misure di più ampio raggio.