Cerca: Atti FORUM PA 2008

Risultati 81 - 90 di 651

Risultati

I lavoratori pubblici e il riscatto delle Pubbliche Amministrazioni

È vero o no che il discredito evidente di cui gode la nostra Pubblica Amministrazione sta travolgendo il ruolo istituzionale e la stessa dignità di migliaia di lavoratori pubblici? Questi lavoratori sono la causa della crisi di credibilità dell’Amministrazione o ne sono le prime vittime? Per rispondere a queste domande Pietro Barrera ha organizzato questo convegno, che introduce e conclude sottolineando – anche con diversi aneddoti – come oggi si abbia un quadro legislativo e contrattuale sufficientemente agile per intervenire efficacemente.

I punti di forza del progetto ICAR

Per Sonia Massobrio uno dei punti di forza del progetto ICAR è la capacità di comunicare e diffondere in maniera semplice, presso addetti ai lavori e cittadini, un concetto semplice qual è quello della cooperazione applicativa. Tale iniziativa, inoltre, ha il merito di aver dato un impulso, in un momento di transizione, al tema della interoperabilità e di aver portato avanti un’esperienza concreta che oggi può essere capitalizzata dalla Commissione di Coordinamento SPC.

Leggi tutto

Il sistema di conservazione centralizzata degli archivi digitali in Toscana

Il sistema di conservazione di RT si articola in distinti sistemi di cui il primo, di ''gestione degli archivi'', ha il ruolo di costruire e tutelare la struttura e le relazioni interne all'archivio, mentre il secondo quello di conservare i documenti nel rispetto della normativa nazionale. Il progetto in corso di realizzazione coinvolge non solo l'Amministrazione regionale ma l'intera amministrazione pubblica del territorio regionale.

ICAR. Un laboratorio di e-government per cooperare

E' il titolo da cui partire per poter affermare come un progetto (ICAR) che ha come suo punto di forza la cooperazione istituzionale, possa favorire il ridisegno, con facilità e coerenza, del modo di interagire tra gli altri attori del sistema che, oltre alla PA (anche come utente) sono i Centri di ricerca, le Società ICT pubbliche e le imprese che producono ed erogano servizi per innovare e crescere nei servizi della PA.

Ricerca ed innovazione: la necessità di programmare il futuro

Per Mario Alì, quando si parla di innovazione nel sistema Paese, l’attenzione deve essere posta sulla crescita qualitativa dell’individuo attraverso la ricerca e la formazione. In passato le maggiori speranze nella globalizzazione erano riposte non tanto sul mercato unico e sullo scambio delle merci, quanto sullo scambio delle conoscenze e delle intelligenze. In Italia ciò non è avvenuto e ci troviamo per questo con una cronica incapacità di programmare il futuro.Leggi tutto

Caratteristiche del 7° programma quadro: il caso della ricerca applicata al settore delle nanotecnologie

Il 7° programma quadro ha una struttura multi-annuale, meccanismi e regole di partecipazione ben precisi e risorse finanziarie realmente disponibili per cinquanta miliardi di euro. Il programma è complementare ai programmi nazionali e regionali e ciò fa in modo che, in paesi altamente regionalizzati e con forti autonomie, vi sia la possibilità di portare avanti la ricerca di punta a livello regionale piuttosto che nazionale ed europeo.Leggi tutto

Il SSN: sfide tra passato e futuro

Nel suo intervento, Filippo Palumbo parla delle sfide che il Sistema Sanitario Nazionale ha dovuto sostenere sin dalla sua istituzione nel 1978 e sui cambiamenti registrati. Nel corso degli anni il SSN, anche per il suo carattere universale, ha avviato un processo di uniformazione verticale portando la sanità ad avere un carattere omogeneo ai vari livelli professionali mentre ciò che ancora manca è una uniformazione orizzontale che garantisca l’ accesso ai servizi e un’assistenza equa al cittadino. È proprio da questo ultimo punto che emergono le tante disuguaglianze tra le varie regioni.Leggi tutto

Il ruolo delle scuole di formazione pubblica in termini di sviluppo manageriale

La voce critica dell’Asfor sottolinea gli aspetti caratterizzanti delle scuole di formazione, cercando di rilevare quanto facciano in termini di sviluppo manageriale nella PA. Tra gli aspetti negativi, l’irrisolta questione della riorganizzazione, prevista dalla finanziaria 2007, che ha determinato uno stato di incertezza anche all’interno di tutto il sistema delle scuole di formazione pubblica.

Leggi tutto

Il 7° programma quadro e i paradigmi culturali dell'innovazione

Ezio Andreta in questo intervento fornisce uno scenario di fondo in cui situare il 7° programma quadro: passaggio da un’economia basata sulle risorse ad un’economia basata sulla conoscenza, scarsa trasformazione della conoscenza in prodotti e sistemi competitivi e diminuzione della percentuale di PIL investita in ricerca. In questo difficile contesto europeo l’obbiettivo del 7° programma quadro è quello di creare un vero e proprio sistema della ricerca stimolando la convergenza di tutti gli strumenti comunitari verso l’innovazione.

Leggi tutto

Premiare e punire significa tutelare

Cesare Vaciago afferma che non esistono differenze sostanziali tra l’impiegato privato e quello pubblico. In tutto il mondo ogni tipo di impiego si divide in un 25% di persone che tirano la barca, un 25% di persone che sono la zavorra e un 50% di persone che si comporta a seconda di come vede trattati i primi e i secondi. Le due leve che devono essere garantite per via normativa per una sostanziale riforma del lavoro pubblico nella visione di Vaciago sono: 1. la possibilità di punire e premiare i dirigenti; 2. uno scivolo adeguato per incentivare il prepensionamento.