Cerca: Atti FORUM PA 2008, trasferimento tecnologico

8 risultati

Risultati

Inclusione sociale nella società dell’informazione

La e-inclusion è un importante obiettivo socio-economico degli sviluppi della ICT in Europa, il suo focus è la partecipazione di tutti gli individui e le comunità in tutti gli aspetti della società dell’informazione. Le politiche di e-inclusion, perciò, mirano a ridurre le differenze nell’uso dell’ICT e a promuovere il suo uso per abbattere l’esclusione e migliorare la situazione economica, le opportunità di lavoro, la qualità della vita, la partecipazione e la coesione sociale.

Leggi tutto

Università e proprietà industriale: trasferimento tecnologico e formazione.

Esiste un problema generale nell’economia della conoscenza che riguarda la protezione delle informazioni. L’esperienza di questi anni ci dice che l’informazione è un bene complicato e non bastano gli strumenti giuridici per un’adeguata protezione, servono strumenti tecnologici, DRM e misure organizzative dentro le imprese, nella PA, nelle università ecc. Stiamo andando verso la percezione dell’importanza della dimensione istituzionale della proprietà intellettuale.Leggi tutto

Distretti tecnologici: l’esperienza della Regione Lazio

Il settore delle Bioscienze riveste un’importanza strategica nell’economia del territorio laziale, in virtù di questo la Regione Lazio intende attivare una rete strutturata di rapporti e collaborazioni tecnico-scientifiche tra gli operatori della ricerca e il sistema delle imprese laziali, agevolando gli investimenti in infrastrutture tecnologiche e tecnico-scientifiche dedicate, con priorità per le collaborazioni tra pubblico e privato.Leggi tutto

Knowledge Clusters in Japan

Ludovico Ciferri ha illustrato come è stato impostato in Giappone lo sviluppo dell’iniziativa Knowledge Cluster: dal ruolo determinante della Science Technology, attraverso una descrizione più dettagliata di come si è sviluppata l’iniziativa, che in Giappone produce principalmente conoscenza, è giunto ad esaminare l’incisività del ruolo che hanno i cluster industriali.Leggi tutto

Finmeccanica: è possibile trasferire meccanismi di governance a livello del sistema paese?

Finmeccanica ha messo in piedi meccanismi di governance molto strutturati. Due sono gli elementi fondamentali su cui si basa: il network e l’allineamento dei piani di innovazione, ricerca e sviluppo delle aziende alle strategie del gruppo. È stato creato un progetto che attualmente coinvolge tutte le aziende del gruppo (mind share) collocandole in contesti più stimolanti dal punto di vista innovativo.

Leggi tutto

ECRN - European Chemical Region Network ed il progetto Interreg IIIC

Michael Hack presenta ECRN - European Chemical Region Network, la rete che raccoglie soggetti pubblici, in particolari regioni europee, che hanno un forte interesse nel settore chimico. Nel 2004 la Rete ha messo insieme gli stakeholders di 18 regioni ed ha dato vita al progetto Interreg IIIC.Leggi tutto

L'incubatore OSS del Comune di Roma: un'esperienza di riferimento per l'incontro tra PA ed imprese open source

L'incubatore OSS è un'iniziativa del comune di Roma, Assessorato delle politiche per le periferie, lo sviluppo locale ed il lavoro, rivolto ad imprese che lavorano nei servizi informatici legati al software libero e aperto. Sebbene OSS abbia appena un anno e mezzo di vita è possibile stilare un primo positivo bilancio del suo operato e raccogliere alcuni spunti di riflessione per rilanciare sul territorio nazionale iniziative similari.

Leggi tutto

Policentrismo, autonomia e responsabilità diffusa per l’innovazione del sistema

Giuseppe De Rita parte dalle parole degli ospiti internazionali del convegno inaugurale di Forum PA 2008 per arrivare ad illustrare la sua visione rispetto all’innovazione nella Pubblica Amministrazione italiana. A suo avviso va tolta di mezzo l’idea della grande riforma calata dall’alto, che ripete il modello fallimentare di un’Amministrazione monoculturale, monocentrica, gerarchica e monolinguistica. L’unica chiave per l’innovazione è – nell’analisi del Presidente del Censis – partire dal basso rafforzando l’autonomia decisionale in un sistema di responsabilità individuali distribuite.