Cerca: Atti FORUM PA 2008, SPC - Sistema Pubblico di Connettività

Risultati 1 - 10 di 19

Risultati

L’identità federata in SPCoop

Francesco Tortorelli, illustrando il modello di gestione delle identità digitali nel sistema pubblico di connettività e cooperazione, parla della sua contestualizzazione nel quadro normativo, e dei servizi realizzati a livello nazionale che, in linea con le regole vigenti, consentiranno di dare pieno valore legale ai modelli proposti.

Leggi tutto

Innovazione tecnologica e crescita dell’Italia: il ruolo della PA

Cosa ha fatto la Pubblica amministrazione negli ultimi anni per promuovere l’innovazione e la digitalizzazione? Vengono citati alcuni esempi di intervento positivo: miglioramento della qualità della dotazione informatica; costruzione di reti infrastrutturali (SPC-Sistema Pubblico di Connettività per le PA centrali, RIPA-Rete Internazionale delle PA, avviato l’SPC federale per gli enti locali); un buon sistema ordinamentale (legge sull’accessibilità, codice amministrazione digitale, Pec, firma digitale). Cosa manca?

Leggi tutto

Gli elementi per un modello condiviso di cooperazione applicativa

Emilio Frezza presenta alcuni numeri sui database delle pubbliche amministrazioni centrali, che dimostrano come vi sia la necessità da parte degli enti centrali e locali di condividere un modello di cooperazione sui dati, senza il quale aumentano la dispersione delle informazioni, le diseconomie e la scarsa qualità dei servizi.

Leggi tutto

Gli strumenti per un'alta qualità della committenza e della fornitura ICT in Italia

Dopo aver analizzato approfonditamente le caratteristiche e i risultati dell’investimento pubblico italiano in ICT Fabio Pistella propone ai rappresentanti dell’offerta e agli amministratori dei diversi livelli istituzionali di produrre insieme al CNIPA una proposta concertata per implementare il settore che si articoli su tre fronti: definizione degli obbiettivi, aggiustamento delle regole e modalità di recupero delle risorse finanziarie.

Le prospettive delle Regioni nel campo dell’interoperabilità e della cooperazione applicativa

L’interoperabilità e la cooperazione applicativa (SPCoop) sono diventati lo snodo principale, in quanto tecnologia abilitante, dell’azione di semplificazione e di ammodernamento della PA, a tutti i livelli. La prospettiva delle Regioni è quella di definire una strategia, di cui se ne spiegano i vari aspetti, per lo sviluppo e il monitoraggio della cooperazione applicativa.

Leggi tutto

Interoperabilità e conoscenza al servizio dell'innovazione

Fabio Pistella spiega come la dimensione informatica possa rappresentare un’opportunità per porre la questione dell’attribuzione di responsabilità. Nella sua visione infatti gli ostacoli per la realizzazione di un sistema che renda davvero disponibili tutti i dati necessari in ogni sportello pubblico non sono di tipo tecnologico ma sostanzialmente di tipo organizzativo, normativo e culturale.

Leggi tutto

Il CNIPA e la dematerializzazione

Floretta Rolleri descrive il ruolo del CNIPA nell’implementazione del processo di dematerializzazione documentale, per il quale le norme ci sono tutte ma i risultati scarseggiano. La Rolleri sottolinea anche come lo scambio di documenti digitali possa permettere di superare la rigidità della separazione tra Amministrazione locale e Amministrazione centrale per arrivare ad un sistema integrato.

Leggi tutto

Il ruolo della sicurezza ICT nel Codice dell'Amministrazione Digitale

Il tema della sicurezza informatica viene letto nel Codice dell'Amministrazione Digitale sotto profili diversi, anche se interconnessi tra loro. Innanzitutto sotto il profilo della sicurezza dei sistemi informativi e dei dati della pubblica amministrazione e, quindi, delle regole di sicurezza del sistema pubblico di connettività. Poi sotto il profilo della tutela della riservatezza delle informazioni e, quindi, della tutela della privacy.

Leggi tutto

Il futuro di SPC: innovazioni strutturali nella PA

Sergio Gianotti incentra il suo intervento sul futuro del SPC. In questa prospettiva introduce le potenzialità del web 2.0 e le opportunità che apre. Individua nella cooperazione applicativa e nelle chiavi di apertura la principale sfida, mentre sottolinea la centralità della questione sicurezza. Conclude affermando la funzione fondamentale del CNIPA, in tema di supporto al cambio culturale oltre che per rendere consapevole la PA della possibilità di semplificare i processi attraverso i servizi SPC.

SPC e web semantico

Valentino Ditoma sintetizza i 3 punti critici per la PA locale in tema di SPCoop, ovvero la copertura integrale di banda larga, la questione della cooperazione applicativa e l’integrazione di servizi basata sul web semantico. In particolare argomenta sulla centralità di questo ultimo punto per la realizzazione di sviluppi innovativi su base SPC.