Cerca: Atti FORUM PA 2008, qualità della vita

4 risultati

Risultati

Le problematiche dell’inurbamento al di fuori dei tradizionali perimetri cittadini

Carlo Donolo analizza la situazione delle nuove aree vaste urbanizzate che inducono gli abitanti a considerarsi facenti parte di qualche cosa che ha a che vedere con la città ma che non li pongono nelle condizioni di poter usufruire dei vantaggi che la città tradizionalmente garantiva. Le contraddittorie politiche di pianificazione strategica, che nell’insieme Donolo giudica positivamente, registrano a suo avviso uno scarto tra i desiderata e i problemi espressi dalla popolazione.Leggi tutto

Il ruolo dell’assistente sociale nel processo di integrazione socio-sanitaria

Quando si parla di integrazione socio-sanitaria è fondamentale non tralasciare l’attività svolta dagli assistenti sociali. Grazie al progetto “Casa della Salute” e alla istituzione dei distretti socio-sanitari, l’assistente sociale ha la possibilità di operare direttamente sul territorio, uscendo dai confini ospedalieri, interfacciandosi con il cittadini in maniera più diretta.

Leggi tutto

La "tragedia dei beni comuni"

Cosa sono i beni comuni e in cosa consiste la “tragedia dei beni comuni”? Si tratta di beni materiali (il territorio, l’ambiente, le infrastrutture, i servizi di pubblica utilità), ma anche immateriali (la sicurezza, la legalità, la fiducia nei rapporti sociali) il cui stato di salute influisce sulla qualità della vita di ciascuno di noi. In Italia siamo relativamente “ricchi” quanto a beni privati, ma poverissimi, soprattutto nel confronto con gli altri paesi europei, per quanto riguarda i beni pubblici.Leggi tutto

Cittadinanza attiva e partecipazione: la Legge regionale della Toscana

Il percorso della Legge regionale della Toscana, approvata nel dicembre 2007 e promulgata nel gennaio 2008 dopo due anni di lavoro, durante i quali si è cercato di far partecipare più cittadini possibile alla redazione del testo. È stata inoltre introdotta una norma per cui la legge decade dopo cinque anni se non rinnovata esplicitamente al quarto anno dal Consiglio regionale.Leggi tutto